Direttore: Claudio Clemente

Vice Direttore: Vittorio Tusini Cottafavi

Numero addetti: 153 (al 31/12/2019)

Al Direttore compete in autonomia la responsabilità della gestione della UIF, della quale definisce gli indirizzi e pianifica, dirige e controlla l'attività assicurandone una conduzione integrata e unitaria. In tale ambito svolge le altre funzioni e adotta gli atti e i provvedimenti previsti dalla legge.

Servizio Operazioni Sospette

Svolge i compiti di analisi finanziaria delle segnalazioni di operazioni sospette e ne valuta la fondatezza; verifica il rispetto delle disposizioni in materia; cura il processo di raccolta delle comunicazioni oggettive, effettua il controllo qualitativo dei dati e l’integrazione delle informazioni.

Divisione Operazioni sospette I, II e III

Ciascuna divisione, con riferimento all'area di competenza assegnata:

  • Effettua l’analisi finanziaria delle segnalazioni di operazioni sospette inviate dai soggetti obbligati e delle comunicazioni di operazioni sospette effettuate da pubbliche amministrazioni. A tal fine si avvale delle informazioni a disposizione dell'Unità, ivi compresi i dati investigativi, le comunicazioni oggettive e le informazioni acquisite presso le Financial Intelligence Unit (FIU) estere e a seguito degli incroci anagrafici con le basi dati della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo (DNA)
  • Cura la predisposizione, in raccordo con la Divisione Cooperazione internazionale, delle richieste informative a FIU estere
  • Cura le istruttorie delle sospensioni delle operazioni sospette
  • Verifica il rispetto delle disposizioni in tema di operazioni sospette, anche predisponendo i riferimenti per le valutazioni dei casi di omessa segnalazione
  • Cura gli approfondimenti finanziari connessi alle richieste di collaborazione avanzate dalla magistratura in raccordo con la Divisione Normativa e rapporti istituzionali
  • Contribuisce alla definizione delle metodologie per l'analisi finanziaria e la valutazione di fondatezza delle operazioni sospette.

Divisione Gestione del patrimonio informativo

  • Segue i processi di raccolta delle segnalazioni di operazioni sospette, delle comunicazioni oggettive, dei dati e delle comunicazioni di operazioni sospette inviati da Pubbliche Amministrazioni e, in generale, delle segnalazioni a carattere nominativo
  • Effettua i controlli di qualità sui dati, anche in raccordo con le altre divisioni, tenendo gli opportuni contatti con i segnalanti
  • Cura i processi di integrazione e di classificazione automatica delle segnalazioni
  • Segue il processo di estrazione e trasmissione alla DNA dei dati sui soggetti segnalati e cura l'acquisizione in base dati del flusso di ritorno prodotto dalla DNA in raccordo con la divisione Normativa e rapporti istituzionali
  • Cura lo sviluppo e l’implementazione di modelli per l’individuazione, nelle basi dati di pertinenza, di operatività a rischio di riciclaggio o finanziamento del terrorismo non segnalate come sospette dai soggetti obbligati
  • In raccordo con le altre divisioni del Servizio, coordina la predisposizione di criteri e metodologie per la valutazione del grado di rischio di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo e per l'analisi finanziaria delle operazioni sospette
  • Gestisce i processi di produzione e invio ai segnalanti del feedback sulle segnalazioni di operazioni sospette
  • Elabora i dati sull’attività di ricezione e analisi delle segnalazioni di operazioni sospette per il Rapporto annuale e per le altre pubblicazioni dell'Unità.

Divisione Settori speciali e contrasto del finanziamento del terrorismo

  • Cura l'analisi delle segnalazioni di operazioni sospette di finanziamento del terrorismo e di proliferazione di armi di distruzione di massa valutandone la fondatezza, effettuando l'analisi finanziaria e curando i profili istruttori e gli altri adempimenti connessi
  • Cura l'analisi delle segnalazioni di operazioni sospette nei settori speciali esposti al rischio di finanziamento del terrorismo ovvero caratterizzati da abituale frazionamento delle transazioni o utilizzo di tecnologie avanzate; ne valuta la fondatezza, effettua l'analisi finanziaria, cura i profili istruttori e gli altri adempimenti connessi
  • Cura l'individuazione e l'approfondimento di altre situazioni di rischio non segnalate che emergano dalle basi dati dell'Unità e, con riferimento ai rischi di finanziamento del terrorismo, anche da scambi informativi con altre autorità o agenzie nazionali
  • Predispone le richieste informative alle FIU estere in raccordo con la Divisione Cooperazione internazionale.

Titolare:

Servizio Analisi e rapporti istituzionali

Cura l'interlocuzione con l'Autorità Giudiziaria e con le altre autorità e collabora all'elaborazione della normativa di riferimento; segue gli aspetti della cooperazione internazionale; pianifica ed effettua le verifiche ispettive della UIF; svolge analisi aggregate dei flussi finanziari.

Divisione Normativa e rapporti istituzionali

  • Cura la produzione normativa di competenza dell’Unità. In tale ambito elabora ed emana istruzioni in materia di rilevazione e segnalazione di operazioni sospette, di comunicazioni oggettive e di comunicazioni delle Pubbliche Amministrazioni nonché di dati aggregati
  • Segue nelle materie d'interesse l'elaborazione della regolamentazione nazionale primaria e secondaria ad opera delle altre Autorità, anche prestando la propria collaborazione
  • Elabora e diffonde modelli e schemi rappresentativi di comportamenti anomali. Elabora indicatori di anomalia per l'individuazione di operazioni sospette
  • Coordina i rapporti con l'Autorità Giudiziaria e con la DNA e corrisponde alle richieste di informazione e di collaborazione anche curando approfondimenti finanziari
  • Coordina i rapporti con le istituzioni nazionali, le autorità di vigilanza e con le amministrazioni interessate, anche attraverso la definizione di protocolli d'intesa e l'esame delle comunicazioni da queste avanzate. Cura i rapporti con gli organismi di autoregolamentazione e con gli uffici delle Pubbliche Amministrazioni
  • Segue, per i profili di competenza, i lavori del Comitato di Sicurezza Finanziaria
  • Coordina i lavori per il Rapporto al Parlamento sull'attività svolta dalla UIF.

Divisione Coordinamento ispettivo e analisi delle irregolarità

  • Programma l'attività ispettiva dell'Unità e fornisce supporto tecnico-operativo agli incaricati degli accertamenti
  • Cura gli adempimenti amministrativi connessi con la revisione, gestione e conservazione dei rapporti ispettivi; svolge l'analisi dei risultati dell'attività ispettiva
  • Aggiorna la guida ispettiva
  • Esamina le irregolarità emerse dall'attività dell'Unità, di quelle comunicate da altre Autorità e cura l'istruttoria dei procedimenti per l'irrogazione di sanzioni amministrative
  • Espleta gli adempimenti conseguenti all'attività ispettiva, cura gli interventi correttivi nei confronti dei soggetti ispezionati e segue, in raccordo con le altre divisioni competenti, le comunicazioni con le altre Autorità
  • Svolge l'attività di segreteria degli organi collegiali interni.

Divisione Cooperazione internazionale

  • Segue i lavori degli organismi internazionali e comunitari in materia di prevenzione del riciclaggio e di contrasto al finanziamento del terrorismo, coordinando la partecipazione dell'Unità
  • Cura le attività di collaborazione internazionale con le FIU di altri paesi. In particolare, gestisce i sistemi di scambio informativo con le altre FIU, risponde alle richieste di collaborazione, curando la relativa istruttoria in raccordo con le Divisioni competenti
  • Cura la definizione di protocolli d'intesa con le FIU estere
  • Segue le attività di assistenza tecnica internazionale dell'Unità
  • Segue la materia delle sanzioni economiche per i profili di competenza dell'Unità, con riferimento agli aspetti internazionali e alle comunicazioni di congelamento. In tale ambito, segue i lavori degli organismi internazionali e comunitari e del Comitato di Sicurezza Finanziaria.

Divisione Analisi flussi finanziari

  • Svolge studi e analisi, anche di tipo statistico ed econometrico, su tipologie operative ritenute a rischio riciclaggio o di finanziamento al terrorismo, su specifici settori dell'economia, su categorie di strumenti di pagamento e su specifiche realtà economiche territoriali
  • Effettua studi e analisi sulla esposizione, a livello aggregato, al rischio di riciclaggio e collabora con le autorità incaricate delle periodiche valutazioni sul rischio nazionale di riciclaggio
  • Sviluppa metodi per identificare, sulla base dei dati aggregati, potenziali anomalie non segnalate
  • Elabora, anche in collaborazione con le autorità di vigilanza, indicatori sul rischio potenziale degli intermediari da utilizzare nei controlli antiriciclaggio a distanza e ispettivi
  • Segue la raccolta delle segnalazioni antiriciclaggio aggregate, l’elaborazione delle relative informazioni e l’analisi dei flussi finanziari
  • Riceve ed elabora le dichiarazioni connesse alle operazioni in oro
  • Cura la predisposizione di dati sui flussi finanziari aggregati per il Rapporto al Parlamento e per le altre pubblicazioni dell’Unità.

Divisione Segreteria

  • Svolge compiti amministrativi di natura segretariale per l'Unità
  • Funge da struttura di supporto amministrativo per la Direzione e per il responsabile della salute e sicurezza sul lavoro
  • Cura gli adempimenti segretariali relativi alle riunioni del Comitato di Esperti
  • Cura la selezione di informazioni di stampa su fenomeni attinenti al riciclaggio.

Titolare: