È nato a Montefiascone (VT) il 12 giugno 1956. È laureato con lode in Economia e commercio presso l’Università La Sapienza di Roma con una tesi in tecnica bancaria. Ha conseguito il diploma di specializzazione in discipline bancarie presso la stessa Università nonché l’abilitazione all’esercizio della professione di dottore commercialista.

Assunto in Banca d'Italia nell’agosto del 1979 presso la Sede di Bologna, dove si è occupato del servizio di tesoreria dello Stato, è stato poi trasferito nel 1981 alla Vigilanza sugli enti creditizi. In tale ambito ha spaziato in diversi campi con particolare riferimento agli aspetti autorizzativi e regolamentari concernenti i limiti di fido, ai progetti di trasformazione delle banche ex lege Amato, all’analisi delle situazioni aziendali.

Nel novembre 1993 è stato trasferito al neocostituito Servizio Rapporti Fiscali in qualità di responsabile dell’Ufficio Segreteria per poi essere assegnato, nel 1996, al Servizio Bilancio dove è rimasto sino al 30 aprile 2020 ricoprendo dapprima il ruolo di titolare della Divisione Analisi, poi quello di terzo Dirigente e quindi la carica di Vice Capo Servizio a partire dal giugno 2016. Durante questo periodo ha seguito le principali problematiche suscettibili di avere impatto sul bilancio della Banca, sia a livello di Eurosistema, sia a livello nazionale, con particolare riguardo alla ripartizione del reddito monetario e delle perdite da operazioni di politica monetaria, all’adeguatezza patrimoniale e all’assetto proprietario.

Ha partecipato in qualità di relatore a numerosi seminari tenuti dalla Banca in materia di bilancio, indipendenza finanziaria e governance dell’Istituto.

Dal 1° maggio 2020 è Capo del Servizio Operazioni sospette.