N. 6 - L'utilizzo delle banconote di taglio elevato come potenziale strumento di riciclaggio: lo studio del 2011 con nota di aggiornamentodi Alessia Cassetta, Alberto Di Filippo e Valeria Roversi

Go to the english version Cerca nel sito

Dicembre 2016

Classificazione JEL: E42, K20, K42.

Nel 2011 la UIF ha realizzato uno studio sull’utilizzo delle banconote di taglio elevato come potenziale strumento di riciclaggio.

Lo studio documentava i rischi di un uso improprio del taglio apicale da parte della criminalità, evidenziando come la forte dinamica della domanda del biglietto da 500 euro osservata dal 2002 difficilmente fosse riconducibile a un utilizzo fisiologico dei mezzi di pagamento.

Lo studio — pur essendo stato citato in numerose occasioni, da ultimo nel rapporto di Europol “Why is cash still king?” — era rimasto inizialmente riservato, essendo stato diffuso solo a un ristretto ambito di autorità nazionali e internazionali.

In questo Quaderno il lavoro viene presentato nella versione del 2011, accompagnata da un aggiornamento basato sui dati disponibili al 2015.

Nell’insieme, le informazioni disponibili presso la UIF confermano i significativi rischi connessi al potenziale utilizzo di banconote di taglio elevato per attività illecite e di riciclaggio.

In considerazione di analoghi timori, la BCE ha deciso di terminare la stampa dei biglietti di taglio apicale indicativamente alla fine del 2018.