N. 4 - L'effetto "al lupo, al lupo" da una prospettiva diversa: un tentativo di identificare le banche sopra- e sotto-segnalantiDi Mario Gara e Claudio Pauselli

Go to the english version Cerca nel sito

Novembre 2015

Classificazione JEL: C25, G21, G28, K23

Utilizzando un modello econometrico, lo studio si propone di fornire indicazioni sull’adeguatezza, in termini quantitativi, del flusso di segnalazioni di operazioni sospette trasmesse dalle banche italiane su base provinciale. Le variabili esplicative utilizzate dal modello sono di tre tipi: (i) indicatori relativi all’operatività delle banche, (ii) misure di rischio di riciclaggio e (iii) indicatori di attività economica, in tutti i casi misurati a livello locale.

L’analisi ha riguardato le segnalazioni, con livello di rilevanza (o rischiosità) medio o superiore, inviate dalle banche in Italia nel 2012. I risultati mostrano che le banche non necessariamente sovra-segnalano in modo sistematico (a scopo prudenziale), come suggerito da alcuni contributi in letteratura: emergono infatti diversi casi potenziali di sotto-segnalazione.

Per quanto riguarda le implicazioni operative dello studio, il modello rappresenta un utile strumento che le autorità antiriciclaggio possono impiegare, insieme alle altre informazioni in loro possesso, per orientare la propria attività di monitoraggio degli intermediari in materia di compliance con gli obblighi segnaletici.